Serbia e Montenegro: proventi tassati come da White List

La Convenzione contro le doppie imposizioni stipulata con la Jugoslavia si applica anche nei confronti degli Stati sorti a seguito dello scioglimento della stessa.

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 99/E del 19 dicembre, si esprime in merito alla tassazione dei redditi di fonte estera. In particolare, precisa che la Convenzione contro le doppie imposizioni stipulata con la Jugoslavia trova applicazione anche nei confronti degli Stati sorti a seguito della dissoluzione della stessa, quali Serbia e Montenegro. Pertanto, i proventi di natura finanziaria dei titoli di Stato emessi dalle Repubbliche di Serbia e del Montenegro sono soggetti all’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi nella misura ridotta del 12,50% prevista per i i proventi derivanti dalle obbligazioni emesse da Paesi white list (art. 168-bis, Tuir).

Leave a Reply