Le sentenze truffa

Le sentenze italiane somigliano sempre più a quelle del fascismo italiano. Per coloro che conosco la storia dell’Italia nell’epoca Mussoliana, sapranno certamente che lo stesso Mussolini, non avendo la possibilità di boicottare la magistratura, si inventò i Tribunali Fascisti che avevano l’obbligo di seguire le indicazioni del partito.

Oggi, invece, dove la politica ed i tribunali vanno sottobraccio, il problema è risolto.

Eccovi un esempio:

In tema di IVA, la nozione di “fattura inesistente” va riferita non soltanto all’ipotesi di mancanza assoluta della documentazione sul piano fattuale, ma anche ad ogni tipo di divergenza tra la realtà commerciale e la sua espressione documentale, ivi compresa l’ipotesi di “inesistenza soggettiva”, che ricorre quando, pur risultando i beni o il servizio reso entrati nella disponibilità patrimoniale dell’impresa cui le fatture sono rilasciate, venga accertato che uno o entrambi i soggetti del rapporto siano falsi (Cass. 23074/12; 8132/11).

Fate attenzione: è sufficiente che un uomo comune chiamato “funzionario” ritenga che ci sia una divergenza commerciale dalla espressione documentale per farvi cadere in un vortice di colpevolezza con risvolti penali.

Vi rendete conto che porcata è questa?

Ai sensi del combinato disposto del DPR n. 633 del 1972, art. 19, art. 21, comma 7, e art. 26, comma 3, è – in linea di principio – precluso al cessionario dei beni, così come al committente del servizio, il diritto alla detrazione o alla variazione dell’imposta nel caso di emissione di fatture per operazioni inesistenti anche solo sotto il profilo soggettivo. Ed infatti, pur essendo i beni o il servizio effettivamente entrati nella disponibilità dell’impresa utilizzatrice, la falsa indicazione di almeno uno dei soggetti del rapporto determina l’evasione del tributo relativo alla diversa operazione, effettivamente realizzata tra altri soggetti (Cass. 6378/06; 18907/11; 23074/12).
Sentenza n. 239 del 9 gennaio 2014 (udienza 25 novembre 2013)
Cassazione civile, sezione V – Pres. Cirillo Ettore – Est. Valitutti Antonio

Chiedo a voi lettori un commento.

Leave a Reply