Perché conviene investire in Albania

La terra che venti anni fa produceva disperazione oggi accoglie i nostri emigrati che vanno nel Paese delle Aquile perché la vita costa meno e la burocrazia è più snella.

Chi sono gli italiani che emigra in Albania?

Imprenditori e non imprenditori tra i 25 e i 50 anni in maggioranza del Nord-Italia: operai, artigiani, elettricisti, idraulici, saldatori, meccanici, marmisti, avvocati, medici, architetti, operatori dei call-centers.

Quanti sono, per ora, gli italiani e le aziende italiane in Albania?

Partiamo dalle aziende. I dati della Camera di Commercio riconducono a una ricerca Istat del 2012 che registra 1460 società con almeno un socio italiano. La stima si stringe a 600 se si considerano quelle operative.

Vediamo ora la popolazione. Sono 500 gli italiani residenti. 1800 i permessi di soggiorno “in corso” (su una popolazione di 2,8 milioni). Quasi un migliaio, infine, i connazionali che studiano medicina all’Università Nostra Signora del Buon Consiglio, gemellata con Roma Tor Vergata.

Tiriamo le somme: 3 mila è la cifra della nostra comunità nella Porta dei Balcani. A spanne. «Nessuno sa quanti siano davvero gli italiani», spiega Luigi Nidito, vice presidente della Camera di commercio. «Molti si muovono per conto loro e si rivolgono alle istituzioni solo se le cose vanno male. L’italiano preferisce essere volatile…».
C’è una battuta; è di un politico albanese di primo piano: «Gli italiani? Sono albanesi vestiti da Versace». Sono anche elettricisti in tuta. Come Oscar Cappelletti, da Bergamo. Dopo una trasferta ha capito che collegare cavi elettrici qui, conviene: «Non esistono le restrizioni che ci sono da noi. Si lavora meglio, e di più». Arrivano in nave da Ancona e da Bari e in aereo con i 20 voli giornalieri (4 Alitalia, 15 Bell Air). Quasi sempre pieni. Bergamo, Verona, Pisa, Roma: su ogni volo, una media di 15 italiani.

L’Albania sta diventando la ventunesima regione d’Italia.

La tassazione delle società attualmente è al 15%, ma già si parla di una riduzione al 10%.
Non esistono studi di settore, redditometro, spesometro, ecc…

Coloro che cercano la nuova america possono far riferimento a questo Paese e chiederci tutte le informazioni.

Leave a Reply