Vigilanza sulle navi, prestazione non imponibile

Non si applica l’iva sull’attività di controllo e protezione dei mercantili battenti bandiera italiana in transito negli spazi marittimi internazionali.

Il servizio di vigilanza armata che garantisce la sicurezza mercantile, carico ed equipaggio, durante la navigazione è esente da iva ai senti dell’art.8-bis, comma 1 lettera e-bis D.p.r. 633/1972. A chiarire questo dilemma ci ha pensato la risoluzione n.79 dell’Agenzia delle Entrate del 01 agosto 2014 che ha evidenziato che la “legge comunitaria 2010 (n.217/2011)” ha esteso il regime di non imponibilità ai fini dell’iva alle “cessioni di navi adibite alla navigazione in alto mare e destinate all’esercizio di attività commerciali” e alle “prestazioni di servizi direttamente destinate a sopperire ai bisogni delle navi”. Affinché la condizione si manifesti oltre ad attività commerciale vi deve essere una navigazione al di fuori delle 12 miglia nautiche con percorrenza internazionale. Per concludere, tali servizi per usufruire della esenzione Iva, dovranno essere forniti direttamente nei confronti dell’armatore così come chiarito dalla Corte di Giustizia Ce (sentenza da C-181/2004 a C-183/2004).

Leave a Reply