Jersey, Guernsey, Isole di Man al dopo Brexit

La decisione del popolo britannico di uscire dall’Unione Europea ha creato non pochi problemi alle Isole di Jersey, Guernsey e Isole di Man al dopo Brexit.

Nel corso dell’anno 2015 e 2016 la BEPS e il Country-By-Country Report hanno iniziato ad eliminare la riservatezza assoluta che Jersey, Guernsey e Isole di Man avevano sempre ottenuto come centri offshore. Il risultato elettorale della Brexit non permette a Jersey, Guernsey e Isole di Man di dormire sogni tranquilli. Grazie ad un cavillo burocratico, Jersey, Guernsey e Isole di Man hanno fatto formale richiesta di prender parte al tavolo delle trattative con Bruxelles affinché possano trattare per i loro personali interessi.

La richiesta di Jersey, Guernsey e Isole di Man non reclama una rappresentanza per sedere al tavolo delle trattative con il Primo Ministro del Regno Unito, ma richiede la partecipazione attiva con una serie di esperti, consulenti e tecnici che presiedano la trattativa con l’Europa.

La richiesta ha un fondamento che si basa sul Protocollo 3 del Trattato firmato tra Londra e Bruxelles al suo ingresso in Europa e che non può essere sottaciuto o rifiutato. Adesso la trattativa con l’Europa sarà presieduta da Inghilterra, Scozia, Irlanza, Jersey, Guernsey e Isole di Man dove ognuna cercherà di portare a casa un risultato favorevole.

Un dilemma da non sottovalutare è la volontà politica della Scozia e dell’Irlanda nel rimanere incollati all’Europa. Questi porterà seri problemi sulla libera circolazione dei beni e delle persone all’interno dell’EX Regno Unito, prima della libera circolazione dei beni e delle persone in Europa.

Oggi esistono molti cittadini europei che hanno la residenza fiscale in Inghilterra, Scozia, Irlanza, Jersey, Guernsey e Isole di Man e dovranno attendere i prossimi 2 anni per capire come cambierà il loro status di cittadino europeo.

Non dimentichiamo anche i conti correnti, i depositi bancari ed i patrimoni gestiti tramite gli uffici di consulenza e legali in Jersey, Guernsey e Isole di Man che sono senza una direzione, in attesa che gli accordi si concludano, e nel frattempo potrebbero vedersi ridurre le loro attività anche del 90%.

Il tempo non giova a nessuno, ed un accelerazione degli accordi Londra-Bruxelles porterebbe benefici a tutti quanti.

Leave a Reply