Appalti per le PMI con il GEIE

Appalti per le PMI? Si può con il GEIE

Il GEIE, acronimo del Gruppo Economico di Interesse Europeo, è uno strumento giuridico rivoluzionario che permette alle PMI di diversi Stati Europei di cooperare fra loro e moltiplicare in tal modo il loro peso. Lo possiamo immaginare come un’associazione tra PMI di carattere europeo.

Con questo strumento si inizia a dar vita al “diritto commerciale europeo” che potrà essere affiancato a quello dei singoli Stati Europei. Il GEIE è un centro di imputazione di rapporti giuridici con una struttura elastica e leggera, che permette ai partecipanti l’indipendenza economica e giuridica e ha un unico fine: quello di agevolare e sviluppare attività economica dei suoi membri.

In cosa può aiutare la mia impresa?

Pochi imprenditori sanno che il GEIE può partecipare ad appalti pubblici ed è molto gradito quando partecipa a programmi finanziati con fondi pubblici nazionali ed europei.

Attualmente il GEIE è l’unico strumento giuridico di cooperazione presente in Europa che permette una buona cooperazione tra PMI Europee ed essendo dotato di una capacità giuridica autonoma, conferisce potere di contrattazione e di rappresentanza più forte di quello che avrebbe ogni impresa singolarmente.

Il GEIE nel dettaglio

Caratteristica principale del GEIE

Non ha come obiettivo quello di creare profitti per se stesso, ma ha quello di creare profitto per i suoi membri attraverso la cooperazione transnazionale.

I riferimenti normativi sono:

  • Regolamento CEE n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985;
  • D. Lgs 23 luglio 1991, n.240

Costituzione del GEIE

Deve rispettare l’ordinamento giuridico comunitario, anche se quest’ultimo rinvia alle legislazioni nazionali. Esso si colloca tra due tipologie di aggregazione:

  • Società e Associazione
  • Consorzio Internazionale e Joint-Venture

Quello che più si avvicina nel nostro ordinamento è il “consorzio con attività esterna”, con notevoli differenze nella responsabilità dei membri, la composizione del gruppo, i poteri degli amministratori, il regime pubblicitario e la liquidazione.

Il GEIE è costituito mediate la sottoscrizione di un “contratto con scrittura privata autenticata da un notaio” tra società di capitali o società di persone o lavoratori autonomi appartenenti almeno a 2 Stati Europei diversi, con soggettività giuridica presso lo Stato in cui ha fissato la sede.

Nel contratto di costituzione deve essere riportato:

  1. Denominazione del Gruppo con riportato Gruppo Economico di Interesse Europeo;
  2. La sede del GEIE;
  3. L’oggetto del GEIE;
  4. L’indicazione analitica delle aziende partecipanti;
  5. La durata del GEIE se questi non è a tempo indeterminato.

Si ricorda che la sede, con decisione dell’Assemblea dei membri può essere sempre spostata in altro Stato Europeo sempre soggetto a deposito e pubblicazione.

Organi del GEIE

  1. Il collegio dei membri;
  2. L’amministratore (persona fisica o giuridica);
  3. Eventuali altri organi.

Pubblicità ed Iscrizione

Il regime di iscrizione e di pubblicità è molto rigido, ecco i passaggi generali:

  1. Entro 30 giorni dalla sottoscrizione del “contratto redatto con scrittura privata autenticata”, gli amministratori devono chiedere l’iscrizione al Registro delle Imprese;
  2. Entro 30 giorni dalla iscrizione al Registro delle Imprese gli amministratori devono richiedere la pubblicazione  integrale presso la Gazzetta Ufficiale;
  3. Entro 30 giorni dalla pubblicazione presso la Gazzetta Ufficiale devono essere trasmessi gli atti all’ufficio delle pubblicazioni ufficiali della Comunità Europea.

Contabilità e Bilancio

Le regole sono identiche a quelle dei consorzi, vedi l’articolo 2214 del Codice Civile. Quindi gli amministratori devono redigere un conto economico e stato patrimoniale, sottoporlo ad approvazione del collegio dei membri e depositarlo alla Registro delle Imprese.

Scioglimento e Liquidazione del GEIE

Può essere sciolto per decisione del collegio dei membri, per decisione del Giudice, perché ha raggiunto lo scopo, perché è impossibilitato a raggiungere lo scopo o perché è decorso il termine fissato. Lo scioglimento è regolato dall’art. 2275 e successivi del Codice Civile.

Vuoi informazioni per entrare a far parte del GEIE?

Scrivimi a:  piero@pierodibello.com

Leave a Reply