Il Giappone dice NO all'aumento aliquota Iva

Il Giappone dice NO all’aumento dell’Iva

L’aumento dell’Iva in Giappone non arriverà. Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha più volte consigliato al governo giapponese di innalzare gradualmente l’Iva fino al 15%, ma al contrario il Giappone ha deciso di mantenere il livello dell’aliquota sui beni al consumo solo all’8%.

Il Fondo Monetario Internazionale già dal 2017 avrebbe voluto vedere un innalzamento dall’Iva dall’8% al 10%. Il Giappone ha prorogato la scelta al 2019.

Il braccio di ferro fra Giappone e FMI è dovuto alle due prospettive opposte:

  • I nipponici hanno come primario obiettivo quello di tutelare i consumi dei propri cittadini, quindi sostenere la crescita dei consumi. Al contrario di quello che sta accadendo in Italia, dove dal 1 gennaio 2018 vedremo già i primi aumenti delle imposte Iva.
  • Il Fondo Monetario Internazionale invece ha visto i recenti trend di crescita del Giappone e ha pensato bene di tassare i consumi in un momento favorevole.

Aumento dell’Iva in Giappone: le posizioni di Stiglitz e Sims

Il Premio Nobel per l’Economia Joseph Stiglitz si è dichiarato contrario all’aumento dell’Iva e ha bacchettato i responsabili nipponici del Fondo monetario in occasione di un incontro con il Consiglio per le politiche economiche e fiscali giapponese, dichiarando che l’unico modo per abbattere il debito pubblico e far ripartire l’imponente economia del paese è AZZERARE il suo debito pubblico, detenuto quasi totalmente dai cittadini giapponesi e dalla stessa Bank of Japan.

Dello stesso avviso è il Premio Nobel per l’Economia Christopher Sims, che ha ribadito che un aumento dell’aliquota iva sarebbe deleterio e non manterrebbe l’inflazione al 2%.

Ricordiamo che il Giappone è la TERZA POTENZA ECONOMICA MONDIALE e che lo è ancora non grazie alle ricette standardizzate del Fondo Monetario Internazionale, ma ai suoi Premi Nobel e alle menti brillanti che conoscono a fondo il proprio paese.

La situazione italiana è ben diversa e per questo dobbiamo tenere gli occhi aperti su quanto accade nel resto del mondo. Per prendere esempio o per trasferirci.

Vuoi sapere se il Giappone è il paese più adatto per il tuo business?

Scrivimi a piero@pierodibello.com

Leave a Reply