Start up innovative: nuova detrazione IRPEF al 50%

La legge di conversione del D.L. 19/05/2020 n.34 (cd. D.L. Rilancio), approvata definitivamente il 16 luglio 2020, ha introdotto importanti novità in tema di detrazioni IRPEF spettanti alle persone fisiche che investono in Start-Up innovative (articolo 25, comma 2, del D.L. 179/2012).

Cos’è una Start-Up innovativa?

Per essere definita tale, una start-up innovativa deve possedere i seguenti requisiti:

  • essere costituita da non più di 60 mesi;
  • avere, a partire dal secondo anno di attività della start-up innovativa, un totale del valore della produzione annua non superiore a 5 milioni di euro;
  • avere, quale oggetto sociale esclusivo o prevalente, lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico.

Oltre ai suddetti requisiti, una start-up innovativa deve possedere almeno uno tra i seguenti requisiti:

  • sostenimento di spese di ricerca e sviluppo uguali o superiori al 15% del maggiore tra costo e valore totale della produzione;
  • impiego di “personale qualificato” pari o superiore a 1/3 della forza lavoro e di laureati magistrali pari o superiori a 2/3 della forza lavoro complessiva;
  • titolarità, deposito o licenza di almeno una privativa industriale.

Cosa prevedono le detrazioni?

L’articolo 38, comma 7 del DL Rilancio ha previsto una detrazione IRPEF del 50% della somma investita nel capitale sociale di Start-Up innovative direttamente o per il tramite di organismi di investimento collettivo del risparmio (OICR) che investano prevalentemente in Start-Up innovative.

L’investimento massimo detraibile è pari a euro 100mila per ciascun periodo d’imposta e deve intendersi complessivo e non per singola Start-Up innovativa.

Si ricorda che analoga detrazione è stata prevista anche per le PMI innovative fino ad un investimento massimo detraibile è tuttavia pari a euro 300mila. Tale detrazione del 50% è cumulabile, sebbene spettante in via prioritaria, rispetto a quella base del 30%.

In tal caso si potrà quindi beneficiare della detrazione del 50% fino a euro 300mila euro di investimento e del 30% per l’investimento eccedente.

Il D.L. Rilancio non ha invece apportato alcuna modifica alla deduzione IRES per gli investimenti in Start-Up e PMI innovative da parte di società di capitali, per le quali è quindi confermata la deduzione del 30% dell’investimento fino ad massimo annuale di euro 1,8 milioni.

Condividi
Tieniti sempre aggiornato!
Unisciti al nostro Canale Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo sul questo Blog.
Hai bisogno della nostra consulenza?
Ti richiameremo per una prima valutazione gratuita relativa al tuo caso.
Scritto da
Pietro Cumpostu

Dottore Commercialista e Revisore Legale dei Conti con sede a Milano, è esperto e studioso in materia di fiscalità nazionale ed internazionale, Transfer Pricing, riorganizzazioni societarie e operazioni straordinarie.
Ricopre diverse cariche di revisore unico e sindaco effettivo di dinamiche PMI italiane.

Visualizza tutti gli articoli
Scritto da Pietro Cumpostu

Pietro Cumpostu

Dottore Commercialista e Revisore Legale dei Conti con sede a Milano, è esperto e studioso in materia di fiscalità nazionale ed internazionale, Transfer Pricing, riorganizzazioni societarie e operazioni straordinarie.
Ricopre diverse cariche di revisore unico e sindaco effettivo di dinamiche PMI italiane.