Finanziamenti per la internazionalizzazione e delocalizzazione PMI Italiane

finanziamentiSono disponibili strumenti finanziari a sostegno dello sviluppo di Pmi italiane per un importo massimo di 10.000.000,00 euro ad azienda al fine di internazionalizzare o delocalizzare le stesse PMI Italiane.

Ricordiamo a tutti i lettori che dicasi delocalizzazione quando un impresa decide di dislocare in stato diverso per motivi di globalizzazione.

Differente scelta aziendale quando parliamo di internazionalizzazione perché parliamo di operazioni che permettono all’azienda italiana di poter vendere il proprio prodotto in luoghi differenti dal proprio paese.

delocalizzazioneLo strumento finanziario è un credito agevolato sulla formazione di una società mista partecipata al 75% dalla società italiana ed al 25% dal partner locale. L’apporto del 75% del capitale della società italiana può essere rappresentato da apporti di natura solo per il 20%.

Il credito agevolato concesso è del 70% del capitale versato con un interesse dello 0,59% e con l’inizio della restituzione del capitale dal 4 anno. L’ammortamento è di 10 anni.

 

I finanziamenti per la internazionalizzazione e delocalizzazione PMI Italia sono ammissibili nei seguenti settori:

  • Industria, agricoltura, allevamento, pesca e trasformazione;
  • Artigianato;
  • Servizi locali di pubblico interesse nei settori dell’energia, delle comunicazioni, dell’acqua, dei trasporti e rifiuti;
  • Micro finanza, servizi di imprenditorialità, commercio locale, commercio equo solidale;
  • Turismo sostenibile;
  • Tutela e valorizzazione dei beni culturali ed ambientali;
  • Fornitura di servizi medici di pubblica utilità e produzione di medicinali;
  • Formazione professionale ed educazione.

 

Requisiti della Pmi italiana:

  1. Avere almeno 3 bilanci depositati presso la CCIAA oppure dichiarati all’Agenzia delle Entrate con il modello Unico;
  2. Essere in attività;
  3. Non essere falliti o avere procedure in corso.
  4. Avere dei bilanci positivi.

I paesi interessati ai Finanziamenti per la internazionalizzazione e delocalizzazione PMI Italiane sono:

Afghanistan, Benin, Bolivia, Burkina Faso, Burundi, Camerun, Congo, Costa d’Avorio, Etiopia, Gambia, Ghana, Guinea Bissau, Guyana, Haiti, Honduras, Liberia, Madagascar, Malawi, Mali, Mauritiana, Mozambico, Nicaragua, Niger, Ruanda, Senegal, Sierra Leone, Tanzania, Togo, Ugandia, Zambia, Comore, Guinea, Eritrea, Somalia, Sudan, Angola, Bangladesh, Bhutan, Cambogia, Gibuti, Isole Salomone, Kiribati, Laos, Lwsotho, Myanmar, Nepal, Samoa, Tuvalu, Vanuatu, Yemen, Corea, Kirghizistan, Kenia, Tagikistan, Zimbabwe, Albania, Armenia, Belize, Capo Verde, Egitto, El Salvador, Fiji, Filippine, Georgia, Guatemala, India, Indonesia, Irak, Isole Marshall, Kosovo, Marocco, Micronesia, Moldavia, Mongolia, Nigeria, Pakistan Nuova Guinea, Paraguay, Siria, Sri Lanka, Swaziland, Palestina, Tonga, Ucraina, Uzbekistan, Vietnam, Cuba, Ecuador, Libano e Tunisia.

 

contattiPer coloro che fossero interessati ad ottenere i finanziamenti per la internazionalizzazione e delocalizzazione PMI Italiane potranno contattarci per ricevere un appuntamento presso i nostri uffici a Roma.

 

Leave a Reply