La nuova imposta sulle imprese multinazionali nel Regno Unito

nuova impostaIl governo inglese ha dato luce alla nuova imposta sulle imprese multinazionali denominata “Diverted Profit Tax” con un aliquota del 25% sugli utili prodotti dalle società hi-tech e da gruppi internazionali che realizzano profitti nel Regno Unito ma che pagano le imposte in Irlanda o Svizzera e Lussemburgo.

La mia prima considerazione è che il Regno Unito sta commettendo un grande errore oltre che una grande infrazione fiscale nei confronti del diritto societario e dell’OCSE, in quanto queste grandi aziende come Amazon, Google, Skype, Microsoft e Ebay stanno rispettando la legge europea, il Modello OCSE e gli Accordi contro le doppie imposizioni ed inoltre stanno creando posti di lavoro nel loro paese. Quindi le regole vanno modificate in tutta l’area EU e non dal singolo paese. Di conseguenza sulla nuova imposta sulle imprese multinazionali si apriranno a breve grandi contenzioni comunitari.

Dietro questa scelta si celano verità nascoste che risalgono alla prima guerra mondiale, infatti è in scadenza il rifinanziamento del debito prodotto nella prima guerra mondiale ed il Regno Unito non ha capitali per onorare il debito. Quindi il Regno Unito vuole risolvere i suoi problemi con la nuova imposta sulle imprese multinazionali.

imposta sulle multinazionaliA prova di quanto anzidetto ricordiamo che il governo del Regno Unito ha appena varato una imposta del 12% sulle case di pregio ed ha modificato le regole sulla tassazione dei redditi alle società bancarie.

In conclusione il Regno Unito dimentica che l’esodo degli stranieri e degli europei presso il loro paese ha contribuito al versamento di oltre il 50% delle intere imposte nazionali, ed un esodo al contrario potrebbe portare il paese alla bancarotta.

Leave a Reply