Se acquisti fuori dall’Ue e rivendi al suo interno, oggi non paghi l’Iva

Import Extra-Ue Iva

Sempre più imprese ita­liane svol­gono atti­vità di impor­ta­zione dai paesi Extra-Ue per ven­dere suc­ces­si­va­mente la merce all’in­terno del mer­cato europeo, vista la note­vole con­ve­nienza e la cre­scente qua­lità dei pro­dotti pro­ve­nienti dal con­ti­nente asia­tico. Oggi le nor­ma­tive con­sen­tono un recu­pero del­l’Iva più veloce rispetto al pas­sato e l’e­sen­zione dal ver­sa­mento Iva per le ces­sioni Intra-Ue, ecco tutto ciò che c’è da sapere:

L’importazione e l’esportazione sono operazioni esenti da Iva

Una volta effet­tuato l’ac­quisto all’e­stero, ti basterà atten­dere la merce presso la Dogana di desti­na­zione e riti­rarla in qua­lità di legit­timo pro­prie­tario. Dovrai rispet­tare sol­tanto due con­di­zioni obbli­ga­torie:

  • Ver­sa­mento dei dazi doga­nali sulla base del codice di nomen­cla­tura della merce;
  • Ver­sa­mento del­l’Iva cal­co­lato sulla base impo­ni­bile frutto della som­ma­toria del valore della merce uti­liz­zato per il cal­colo dei dazi, dei diritti doga­nali e delle spese fisse (FOB + Tra­sporto e Assicurazione).

Per meglio appro­fon­dire l’Im­por­ta­zione e l’Iva indi­chiamo l’ar­ti­colo 67 del DPR 633/72, il quale sta­bi­lisce che le impor­ta­zioni sono sog­gette all’im­posta, da chiunque siano effettuate.

In defi­ni­tiva l’imposta sul valore aggiunto è dovuta in dogana all’atto della intro­du­zione mate­riale dei beni nel ter­ri­torio ita­liano da colui che pre­senta la “dichia­ra­zione doga­nale” o del sog­getto per conto del quale viene ese­guite l’importazione. Tut­tavia il sog­getto che intro­duce i beni nel­l’e­ser­cizio d’impresa può detrarre l’imposta ai sensi e con le limi­ta­zioni poste dal­l’ar­ti­colo 19 del DPR 633/72 e seguenti.

Quanto devo aspettare per recuperare l’Iva?

Dopo lo sdo­ga­na­mento, le imprese ita­liane potranno effet­tuare la loro ces­sione Intra-Ue emet­tendo una fat­tura Non impo­ni­bile Iva art.41 D.L. 331/93 al cliente Europeo.

Di con­se­guenza l’im­presa ita­liana ha diritto a richie­dere il rim­borso del­l’Iva pagata in dogana anche tri­me­stral­mente. Pur­troppo è qui che soli­ta­mente ini­ziano i pro­blemi. In nume­rosi casi le imprese ita­liane aspet­tano anni per rice­vere il rim­borso dell’Iva.

Anche se il Governo Ita­liano ha sempre paven­tato di aver ridotto i tempi di attesa, questo non è mai avve­nuto, con­si­de­rando anche il costo del rim­borso Iva in Italia tra pro­fes­sio­nisti, docu­men­ta­zione e costi di fideiussioni.

Infatti, a prova di quanto scritto, l’Eu­ropa sta ini­ziando a san­zio­nare lo Stato Ita­liano.

Quali soluzioni ci sono per gli imprenditori italiani in Ue?

Per recu­pe­rare l’Iva pagata in dogana in un tempo ragio­ne­vole per ogni azienda c’è una solu­zione offerta diret­ta­mente dalla Ue:

  1. Cam­biare paese europeo di importazione;
  2. Costi­tuire una nuova società com­mer­ciale oppure una Sta­bile Organizzazione;
  3. Sdo­ga­nare secondo le regole del nuovo paese.

Con questi primi tre pas­saggi la nuova impresa potrà:

  • Per i primi 2 tri­me­stri rice­vere il rim­borso del­l’Iva entro 40 giorni dalla Liqui­da­zione Iva;
  • Per i secondi 2 tri­me­stri rice­vere il rim­borso del­l’Iva entro 20 giorni dalla Liqui­da­zione Iva;
  • Dopo 1 anno, rice­vere l’esen­zione dal ver­sa­mento Iva per Ces­sione Intra-Ue.

Quindi questa solu­zione por­terà l’Im­presa Ita­liana a non avere i soliti pro­blemi di cash-flow dovuti al fisco ita­liano, che non resti­tuisce in tempi brevi l’Iva del contribuente.

La scelta più impor­tante che deve fare un impren­di­tore è non pren­dere con leg­ge­rezza le atti­vità fiscali inter­na­zio­nali, neces­si­tano di un’e­le­vata spe­cia­liz­za­zione. Vi con­si­glio di richie­dere l’as­si­stenza di un Esperto in Fisca­lità Inter­na­zio­nale e chie­dergli di rea­liz­zare un Busi­ness Pro­ject Asset spe­ci­fico per la vostra atti­vità e una Euro­pean Busi­ness Stra­tegy che vi metta al riparo da qual­siasi impre­ci­sione o errore di programmazione.

I risul­tati potranno essere solo sorprendenti.

Se sei inte­res­sato al recu­pero del­l’Iva pagata in dogana, con­tat­tami a piero@pierodibello.com

Con­di­vidi
Tieniti sempre aggiornato!
Unisciti al nostro Canale Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo sul questo Blog.
Hai bisogno della nostra consulenza?
Ti richiameremo per una prima valutazione gratuita relativa al tuo caso.
Scritto da
Piero Di Bello

Appassionato e dinamico consulente esperto in Protezione e Pianificazione consapevole del Patrimonio delle famiglie e delle imprese, associato della prestigiosa Associazione “Il Trust in Italia”.
Esperto in Fiscalità Internazionale e Strategie d’Impresa, coadiuva continuamente gli imprenditori nel disegnare il proprio business.

Visualizza tutti gli articoli
Scritto da Piero Di Bello

Piero Di Bello

Appassionato e dinamico consulente esperto in Protezione e Pianificazione consapevole del Patrimonio delle famiglie e delle imprese, associato della prestigiosa Associazione “Il Trust in Italia”.
Esperto in Fiscalità Internazionale e Strategie d’Impresa, coadiuva continuamente gli imprenditori nel disegnare il proprio business.