Esterovestizione societaria: come superarla

La fiscalità domestica (italiana) considera fiscalmente residente in Italia una società quando questa, per la maggior parte del periodo d’imposta, ha mantenuto la sede legale o la sede amministrativa o l’oggetto principale della sua attività in Italia, così come previsto dall’articolo 73, comma 3 del TUIR e dal principio di tassazione mondiale (worldwide principle).

Infatti l’articolo 73, comma 5-bis del TUIR stabilisce che “salvo prova contraria, si considera esistente nel territorio dello Stato la sede amministrativa di società che detengono partecipazioni di controllo, ai sensi dell’articolo 2359, primo comma, del codice civile, nei soggetti di cui alle lettere a) e b) del comma 1, in alternativa:

  • siano controllati, anche indirettamente, da soggetti residenti nel territorio dello Stato;
  • siano gestiti da un amministratore o consiglio di amministrazione con prevalenza residenza in Italia.

Interviene l’Agenzia delle Entrate con la Circolare 28/E/2006 precisando che il soggetto estero si considera, od ogni effetto di legge, residente nello Stato Italiano e quindi soggetto a tutti gli obblighi strumentali e sostanziali in Italia.

Come superare l’esterovestizione societaria?

  1. Mantenere all’estero la sede amministrativa, con comportamenti concludenti;
  2. Esercitare all’estero una effettiva attività commerciale, di servizi o industriale;
  3. Avere una idonea organizzazione di risorse umane e mezzi all’estero;
  4. Avere motivazioni che vanno oltre i motivi di tassazione di vantaggio;
  5. Non essere qualificati come struttura di puro artificio così come previsto dalla Circolare dell’Agenzia delle Entrate 51/E/2010.

Sempre la citata Circolare 28/E/2006 dell’Agenzia delle Entrate ha chiarito che la presunzione va vinta dimostrando, con argomenti convincenti, che la sede di direzione effettiva della società non è in Italia, bensì all’estero.

I reati tributari non sono cosa da poco, ed è per questo motivo che è consigliabile sempre chiedere una consulenza tecnica ad un esperto di fiscalità internazionale.

Condividi
Tieniti sempre aggiornato!
Unisciti al nostro Canale Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo sul questo Blog.
Hai bisogno della nostra consulenza?
Ti richiameremo per una prima valutazione gratuita relativa al tuo caso.
Scritto da
Piero Di Bello

Appassionato e dinamico consulente esperto in Protezione e Pianificazione consapevole del Patrimonio delle famiglie e delle imprese, associato della prestigiosa Associazione “Il Trust in Italia”.
Esperto in Fiscalità Internazionale e Strategie d’Impresa, coadiuva continuamente gli imprenditori nel disegnare il proprio business.

Visualizza tutti gli articoli
Scritto da Piero Di Bello

Piero Di Bello

Appassionato e dinamico consulente esperto in Protezione e Pianificazione consapevole del Patrimonio delle famiglie e delle imprese, associato della prestigiosa Associazione “Il Trust in Italia”.
Esperto in Fiscalità Internazionale e Strategie d’Impresa, coadiuva continuamente gli imprenditori nel disegnare il proprio business.