Perdita su crediti: i requisiti per dedurli in bilancio

La Corte di Cassazione ha ribadito requisiti e criteri ai fini della piena deducibilità della perdita su crediti, così come previsto dall’articolo 101 comma 5 del Testo Unico delle Imposte sui Redditi, secondo il quale i costi sono deducibili dal reddito d’impresa solo nel caso in cui soddisfano i seguenti principi:

  • effettività;
  • inerenza;
  • competenza;
  • certezza;
  • determinabilità.

Per fare un esempio, la deduzione nel bilancio d’impresa di una perdita su crediti deve essere inerente all’attività d’impresa e coerente con l’oggetto sociale dell’impresa stessa.

La perdita su crediti è iscrivibile in bilancio quando vi è una procedura concorsuale oppure nelle seguenti ipotesi concatenate tra di loro:

  • ricavo inerente all’attività sociale;
  • coerenza dei costi sostenuti dall’impresa per generare quel ricavo;
  • ricavo non proveniente da una vendita sottocosto;
  • recupero del credito non attuabile coattivamente;
  • azioni per il recupero attuate dall’imprenditore invano;
  • costo per ulteriori procedure superiore al valore del credito;
  • irreperibilità del creditore.

La deducibilità delle perdite su crediti è una procedura che richiede attenzione e programmazione, affinché non venga poi contestata dall’amministrazione finanziaria in sede di verifica.

Condividi
Tieniti sempre aggiornato!
Unisciti al nostro Canale Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo sul questo Blog.
Hai bisogno della nostra consulenza?
Ti richiameremo per una prima valutazione gratuita relativa al tuo caso.
Scritto da
Piero Di Bello

Appassionato e dinamico consulente esperto in Protezione e Pianificazione consapevole del Patrimonio delle famiglie e delle imprese, associato della prestigiosa Associazione “Il Trust in Italia”.
Esperto in Fiscalità Internazionale e Strategie d’Impresa, coadiuva continuamente gli imprenditori nel disegnare il proprio business.

Visualizza tutti gli articoli
Scritto da Piero Di Bello

Piero Di Bello

Appassionato e dinamico consulente esperto in Protezione e Pianificazione consapevole del Patrimonio delle famiglie e delle imprese, associato della prestigiosa Associazione “Il Trust in Italia”.
Esperto in Fiscalità Internazionale e Strategie d’Impresa, coadiuva continuamente gli imprenditori nel disegnare il proprio business.