Cina alla conquista dell’America Latina e Caraibi

Cina alla conquistaLa Cina non rimane a guar­dare gli accordi FACTA, OCSE e BEPS e sferra il suo primo colpo a livello glo­bale inve­stendo 250 milioni di dol­lari in tutta l’Ame­rica LatinaCaraibi. Cina alla con­quista del­l’A­me­rica Latina e Caraibi.

La Cina pro­mette oltre 10 anni di con­tratti nel set­tore del­l’e­nergia rin­no­va­bile e nel­l’a­gri­col­tura e lo con i fatti, assi­cu­rando al Vene­zuela 20 miliardi di dol­lari ed all’E­cuador 7 miliardi di dol­lari affinché azze­rino il debito pub­blico del paese.

Cina alla conquistaPer farvi capire la por­tata degli inve­sti­menti della Cina in Ame­rica Latina e Caraibi pos­siamo pren­dere in con­si­de­ra­zione il Piano Europeo, varato da Jean-Claude Juncker ‚di 300 miliardi di euro, ma con fondi effet­tivi di soli 21 miliardi di euro.

La Cina alla con­quista del­l’A­me­rica Latina e Caraibi investe capi­tali effet­tivi e dispo­ni­bili per 210 miliardi di euro, pari a 250 milioni di dol­lari, in paesi dove il costo della vita, dei ser­vizi, dei beni e 1/10 di quelli europei. Quindi l’in­ve­sti­mento della Cina in Ame­rica Latina e Caraibi è deva­stante.

Il momento è pro­pizio per questi paesi del­l’A­me­rica Latina e Carai­bici, sono 33 paesi che vedranno il loro PIL nei pros­simi 10 anni in con­tinua ascesa.
Al con­trario tempi duri per la neo nata Volun­tary Disclo­sure ema­nata dal nostro governo, ed il nuovo Modello OCSE da rati­fi­care a seguito del­l’ac­cordo BEPS che poneva la sca­denza del 4 feb­braio 2015 per i paesi in Black List la data ultima per uscire da tale lista. Questa ven­tata di inve­sti­menti cinesi por­te­ranno una serie di oppor­tu­nità e mag­giore pro­te­zione per gli inve­sti­tori esteri boi­cot­tando l’ac­cordo BEPS ed i piani dei governi europei contro i paesi facenti parti della Black List.

Cina alla conquistaLa Cina alla con­quista del­l’A­me­rica Latina e Caraibi di contro avrà mag­giore com­pe­ti­ti­vità nei con­fronti del­l’A­me­rica nel set­tore tec­no­lo­gico, del­l’in­no­va­zione, delle costru­zioni ed energia.

Cosa deve fare oggi l’im­pren­di­tore ita­liano?

Sem­plice pre­pa­rarsi a de-loca­liz­zare verso i paesi latini per cat­tu­rare le oppor­tu­nità dei pros­simi 10 anni in questa area per sod­di­sfare i nuovi bisogni che ver­ranno a crearsi in questa area. 

Il nostro gruppo di con­su­lenti vi terrà sempre aggior­nati sulle oppor­tu­nità aprendo una sede a sup­porto delle imprese ita­liane che vor­ranno de ‑loca­liz­zare la loro azienda e rac­co­gliere finan­zia­menti messi a dispo­si­zione dal­l’Eu­ropa e dai paesi del­l’A­me­rica Latina per il pro­prio busi­ness.

Con­di­vidi
Tieniti sempre aggiornato!
Unisciti al nostro Canale Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo sul questo Blog.
Hai bisogno della nostra consulenza?
Ti richiameremo per una prima valutazione gratuita relativa al tuo caso.
Scritto da
Piero Di Bello

Appassionato e dinamico consulente esperto in Protezione e Pianificazione consapevole del Patrimonio delle famiglie e delle imprese, associato della prestigiosa Associazione “Il Trust in Italia”.
Esperto in Fiscalità Internazionale e Strategie d’Impresa, coadiuva continuamente gli imprenditori nel disegnare il proprio business.

Visualizza tutti gli articoli
Scritto da Piero Di Bello

Piero Di Bello

Appassionato e dinamico consulente esperto in Protezione e Pianificazione consapevole del Patrimonio delle famiglie e delle imprese, associato della prestigiosa Associazione “Il Trust in Italia”.
Esperto in Fiscalità Internazionale e Strategie d’Impresa, coadiuva continuamente gli imprenditori nel disegnare il proprio business.