Riparte la rivalutazione delle quote societarie 2019: aliquote e termini

Riparte la rivalutazione delle quote societarie 2019: aliquote e termini
Imprenditori, siete in procinto o avete intenzione di cedere una partecipazione in una società non quotata? La Legge di Bilancio 2019 (Legge 30 dicembre 2018, n.145) ha riproposto la rivalutazione delle quote societarie (commi 1053 e 1054). Con la Legge di Bilancio 2019 è stata prevista la riapertura, per la sedicesima volta, dei termini per rideterminare il valore di partecipazioni in società non quotate possedute da persone fisiche alla data del 1° gennaio 2019. In vista della prossima o potenziale cessione della partecipazione, le persone fisiche potranno affrancare le plusvalenze latenti nei valori di questi beni, corrispondendo un’imposta sostitutiva in rate annuali da una a tre, generando così un carico tributario ridotto rispetto a quello che si avrebbe vendendo la partecipazione non rivalutata. Diversamente dal passato, è prevista una doppia aliquota dell’imposta sostitutiva a seconda che si tratti di una partecipazione qualificata o non qualificata ai sensi dell’art. 67, comma 1, lettera c) alla data del 1° gennaio 2019: (i) 11% per le partecipazioni qualificate, (ii) 10% per le partecipazioni non qualificate. Rispetto all’anno precedente, la Legge di Bilancio 2019 ha previsto due diverse aliquote e più alte (si ricorda che nell’anno 2018 era prevista un’unica aliquota sostitutiva pari all'8% sia per le partecipazioni qualificate che per quelle non qualificate). Tuttavia, la convenienza ad affrancare le plusvalenze latenti nel valore delle partecipazioni non manca se si considera che, nel caso in cui non si procedesse all’affrancamento, si pagherebbe, in caso di cessione della partecipazione successivamente al 1° gennaio 2019,il 26% della plusvalenza realizzata indipendentemente dal fatto che le partecipazioni siano qualificate o non (commi 999 e seguenti della L. 205/2017). Al fine di rivalutare le partecipazioni detenute in società non quotate, possedute alla data del 1° gennaio 2019, è necessaria la redazione di una perizia giurata da parte di un professionista abilitato (Dottore Commercialista o Revisore) entro il 30 giugno 2019. Non fatevi sfuggire questa grande occasione.
Hai bisogno di una consulenza circa un argomento trattato su questo blog?
Prima di contattami per ottenere un preventivo di intervento specifico per il tuo caso, ti invito a leggere le opinioni dei miei clienti.
Condividi
Piero Di Bello
Scritto da
Piero Di Bello

Appassionato e dinamico consulente esperto in Protezione e Pianificazione consapevole del Patrimonio delle famiglie e delle imprese, associato della prestigiosa Associazione “Il Trust in Italia”.
Esperto in Fiscalità Internazionale e Strategia d’Impresa, coadiuva continuamente gli imprenditori nel disegnare il proprio business.

Commenti

Piero Di Bello

Piero Di Bello

Appassionato e dinamico consulente esperto in Protezione e Pianificazione consapevole del Patrimonio delle famiglie e delle imprese, associato della prestigiosa Associazione “Il Trust in Italia”.
Esperto in Fiscalità Internazionale e Strategia d’Impresa, coadiuva continuamente gli imprenditori nel disegnare il proprio business.