Il requisito della residenza per gli iscritti all’AIRE

Uomo Chino Su MacBook

Ecco una domanda che in molti pongono.

Lavoro all’estero presso un’azienda straniera. Sono regolarmente iscritto all’Aire in quanto emigrato, ho famiglia in Italia. Devo versare imposte allo Stato italiano?

Innanzitutto l’iscrizione all’Aire non è condizione sufficiente per affermare di risiedere fiscalmente all’estero e pagare le tasse soltanto nel Paese estero; questo perché il Governo Italiano cerca in tutti i modi di mettere le mani nelle tasche degli italiani.

Ai fini delle imposte sui redditi, infatti, si considerano residenti nel territorio italiano le persone che per la maggior parte del periodo d’imposta sono iscritte nelle anagrafiche della popolazione residente o hanno nel territorio dello Stato il domicilio o la residenza, ai sensi del codice civile, oppure si sono trasferiti nei Paesi a fiscalità privilegiata, salvo prova contraria in quest’ultimo caso (articoli 2 e 2-bis del Tuir).

È sufficiente che si verifichi una sola di queste condizioni affinché un soggetto sia considerato fiscalmente residente in Italia. Pertanto, o il contribuente è residente fiscalmente all’estero e quindi dovrà dichiarare i redditi e pagare le imposte dovute nel Paese straniero, oppure lo stesso non è in possesso di tutti i requisiti per potere essere considerato fiscalmente residente all’estero e quindi dovrà dichiarare in Italia i redditi conseguiti nel Paese straniero.

In questa seconda ipotesi, qualora non esista alcun trattato contro le doppie imposizione che disciplini nello specifico i rapporti tra gli Stati ai fini fiscali, bisognerà presentare la denuncia dei redditi in Italia. Sarà però possibile recuperare le eventuali imposte pagate definitivamente all’estero sui predetti redditi (articolo 165 del Tuir).

Non dimentichiamoci che un’ultima sentenza di Cassazione ha stabilito che, in caso di presenza di un vincolo affettivo, in cui la moglie e la prole rimangono in Italia senza seguire il coniuge, si presume la residenza in Italia, quindi, anche in presenza di cambio di residenza all’estero, per lo Stato italiano le imposte dovranno essere pagate in Italia.

Condividi
Tieniti sempre aggiornato!
Unisciti al nostro Canale Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo sul questo Blog.
Hai bisogno della nostra consulenza?
Ti richiameremo per una prima valutazione gratuita relativa al tuo caso.
Scritto da
Piero Di Bello

Appassionato e dinamico consulente esperto in Protezione e Pianificazione consapevole del Patrimonio delle famiglie e delle imprese, associato della prestigiosa Associazione “Il Trust in Italia”.
Esperto in Fiscalità Internazionale e Strategia d’Impresa, coadiuva continuamente gli imprenditori nel disegnare il proprio business.

Visualizza tutti gli articoli
Scritto da Piero Di Bello

Piero Di Bello

Appassionato e dinamico consulente esperto in Protezione e Pianificazione consapevole del Patrimonio delle famiglie e delle imprese, associato della prestigiosa Associazione “Il Trust in Italia”.
Esperto in Fiscalità Internazionale e Strategia d’Impresa, coadiuva continuamente gli imprenditori nel disegnare il proprio business.