Negozio di Affidamento Fiduciario (Italia) VS Trust (resto del Mondo)

Il Negozio di Affidamento Fiduciario

È un istituto giuridico in grado di realizzare un patrimonio separato di fonte negoziale. Le figure e le parti del negozio giuridico sono:

  • L’affidante (il proprietario dei beni)
  • L’affidatario (colui che gestisce determinati beni)
  • Il programma destinatorio (programma delle attività che l’affidatario dovrà osservare)

Il legislatore ha voluto dare uno strumento che fosse una valida alternativa al Trust.

Il Trust

È un rapporto giuridico fiduciario ed anche un negozio unilaterale, programmatico, recettizio e soggetto a rifiuto in grado di realizzare un patrimonio separato. Le figure e le parti del rapporto giuridico sono:

  • Il disponente (il proprietario dei beni)
  • Il trustee (colui che gestisce determinati beni)
  • L’atto istitutivo (programma delle attività che il trustee dovrà osservare)

Sembrano identici/simili ma non lo sono, e vi spiego il perché.

Con il termine istituto giuridico si indica il complesso di norme che regolano una medesima fattispecie e disciplina, mentre il rapporto giuridico è la relazione tra soggetti attivi e passivi del diritto disciplinato dall’ordinamento.
Quindi è evidente che parliamo di due strumenti per la segregazione patrimoniale su piani giuridici totalmente differenti.

Per meglio chiarire, il Negozio di Affidamento Fiduciario è un contratto, mentre il Trust non lo è.

Il Negozio di Affidamento Fiduciario consente di realizzare un programma “destinatorio” stabilito dall’affidante, attraverso istituti giuridici del diritto italiano, rimediando ad alcune inefficienze derivanti da altri istituti del nostro ordinamento come il mandato fiduciario ed il negozio fiduciario, come più volte ribadito dal Professor Lupoi e dal Professor Loconte.

Come il Trust, anche il Negozio di Affidamento Fiduciario si presta ad essere utilizzato per la protezione dei soggetti privi di autonomia (inabili, incapaci, disabili, sottoposti all’amministrazione di sostegno), affinché possano godere dei beni affidati all’affidatario in forza di un programma predisposto dall’affidante.

Il Trust ha alcuni aspetti che vanno oltre il Negozio di Affidamento Fiduciario perché non si ferma alla categoria di “beni meritevoli di tutela” andando oltre sia da un punto di vista oggettivo (beni materiali ed immateriali) che soggettivo (beneficiari individuati ed individuabili).

Inoltre la segregazione del patrimonio dall’affidante al Negozio di Affidamento Fiduciario è temporaneo, in quanto l’affidatario riceve un diritto di proprietà fino all’attuazione del programma, riportando il bene nelle disponibilità dell’affidante una volta concluso il programma. Cosa diversa nel Trust dove il patrimonio non torna al Disponente e passa al Beneficiario quando il trustee ha concluso tutti gli attivi dispositivi che l’atto stesso gli ha imposto nel suo ufficio. Quindi la segregazione è definitiva e non temporanea.

Infatti, in caso di Negozio di Affidamento Fiduciario dell’intero patrimonio in favore di un figlio disabile, gli altri figli legittimari non potranno invocare il diritto alla legittima perché la segregazione è temporanea e non definitiva.

Fiducia Romanistica contro Fiducia Germanistica

Possiamo dire che il Negozio di Affidamento Fiduciario perde il confronto con il Trust, il quale si basa sulla fiducia romanistica illimitata, contro una fiducia germanistica presente nel Negozio di Affidamento Fiduciario.

Per i non addetti, si parla di fiducia romanistica quando il trasferimento di una proprietà è piena a favore del fiduciario, mentre non ha mezzi per essere tutelato il fiduciato, che può chiedere soltanto il risarcimento del danno in caso di inadempienza del fiduciario. Quindi il trasferimento è opponibile ai terzi.

Ben diversa è la fiducia germanistica, dove il vincolo di destinazione sul bene è più intenso: il fiduciario riceve solo la legittimazione ad esercitare, in nome proprio, un diritto che però continua a rimanere in capo al fiduciante.
Infatti i negozi fiduciari, in Italia, basano la loro fiducia sul sistema fiduciario.

Il Negozio di Affidamento Fiduciario è un contratto, mentre il Trust è un negozio giuridico; hanno funzioni simili, sebbene il Trust si presti ad ogni necessità adattandosi alle esigenze più disparate mentre il Negozio di Affidamento Fiduciario si ingessa nei soggetti destinatari del programma e della protezione temporanea del patrimonio oggetto del contratto.

Condividi
Tieniti sempre aggiornato!
Unisciti al nostro Canale Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo sul questo Blog.
Hai bisogno della nostra consulenza?
Ti richiameremo per una prima valutazione gratuita relativa al tuo caso.
Scritto da
Piero Di Bello

Appassionato e dinamico consulente esperto in Protezione e Pianificazione consapevole del Patrimonio delle famiglie e delle imprese, associato della prestigiosa Associazione “Il Trust in Italia”.
Esperto in Fiscalità Internazionale e Strategie d’Impresa, coadiuva continuamente gli imprenditori nel disegnare il proprio business.

Visualizza tutti gli articoli
Scritto da Piero Di Bello

Piero Di Bello

Appassionato e dinamico consulente esperto in Protezione e Pianificazione consapevole del Patrimonio delle famiglie e delle imprese, associato della prestigiosa Associazione “Il Trust in Italia”.
Esperto in Fiscalità Internazionale e Strategie d’Impresa, coadiuva continuamente gli imprenditori nel disegnare il proprio business.