Residenza Fiscale delle Persone Fisiche: le Convenzioni contro le Doppie Imposizioni

Per stabilire se un soggetto possa essere considerato o meno fiscalmente residente nel territorio dello Stato Italiano, bisogna far riferimento sia alla norma interna (Articolo 2 del TUIR) che alla norma convenzionale (cd. Convenzione contro le Doppie Imposizioni), laddove esistente, stipulata dall’Italia con l’altro Paese al quale potrebbe essere correlata la residenza del soggetto in questione.

Dopo esserci occupati del concetto di residenza secondo la normativa italiana nel precedente articolo, oggi ci occuperemo del concetto di residenza secondo le convenzioni contro le doppie imposizioni.

Le norme convenzionali, se esistenti, prevalgono sulle norme interne.

L’Italia ha sottoscritto convenzioni contro le doppie imposizioni con circa 100 Paesi, la maggior parte delle quali conformi al modello OCSE di convenzione per evitare le doppie imposizioni.

Nel caso in cui un soggetto risulti, in base alla legislazione degli Stati contraenti, residente in entrambi gli Stati, si applica l’art. 4 paragrafo 2 del modello OCSE per stabilire in quale del due Stati il soggetto debba essere considerato residente (cd. tie-breaker rules).
I criteri elencati dall’art. 4 paragrafo 2 del modello OCSE per la definizione della residenza fiscale sono nell’ordine:

  • abitazione permanente;
  • centro degli interessi vitali;
  • soggiorno abituale;
  • nazionalità.

Il suddetto ordine è un ordine di priorità; il conflitto di residenza, pertanto, si dirime non appena uno dei test ottiene un risultato positivo per uno dei due Paesi.

Abitazione permanente – Permanent home

In base al primo criterio, la residenza coincide con il luogo in cui il contribuente possiede o dispone di un’abitazione permanente. La previsione in esame è sostanzialmente riconducibile al concetto di “residenza” ex art. 43 del Codice Civile.

Centro degli interessi vitali – Centre of vital interests

Il centro degli interessi vitali corrisponde al luogo in cui le relazioni personali ed economiche dell’individuo sono più strette.

Soggiorno abituale – Habitual abode

Il criterio di risoluzione del conflitto di residenza da verificare nel caso in cui non sia possibile determinare lo Stato contraente nel quale la persona ha il proprio centro degli interessi vitali e, se la medesima non ha un’abitazione permanente in alcuno degli Stati contraenti, è il luogo in cui il contribuente “soggiorna abitualmente”.

Nazionalità – Nationality

Al fine di individuazione della nazionalità la Convenzione fa espresso rinvio alla normativa interna dei Paesi.

Se sei italiano e lavori o produci un reddito in uno Stato estero ed entrambi gli Stati ti considerano un soggetto ivi residente, contattaci senza impegno per un’analisi della tua posizione fiscale.

Condividi
Tieniti sempre aggiornato!
Unisciti al nostro Canale Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo sul questo Blog.
Hai bisogno della nostra consulenza?
Ti richiameremo per una prima valutazione gratuita relativa al tuo caso.
Scritto da
Pietro Cumpostu

Dottore Commercialista e Revisore Legale dei Conti con sede a Milano, è esperto e studioso in materia di fiscalità nazionale ed internazionale, Transfer Pricing, riorganizzazioni societarie e operazioni straordinarie.
Ricopre diverse cariche di revisore unico e sindaco effettivo di dinamiche PMI italiane.

Visualizza tutti gli articoli
Scritto da Pietro Cumpostu

Pietro Cumpostu

Dottore Commercialista e Revisore Legale dei Conti con sede a Milano, è esperto e studioso in materia di fiscalità nazionale ed internazionale, Transfer Pricing, riorganizzazioni societarie e operazioni straordinarie.
Ricopre diverse cariche di revisore unico e sindaco effettivo di dinamiche PMI italiane.