Legittima la nomina di una Persona Giuridica quale Amministratore

Quando si nomina l’ammi­ni­stra­tore di una società di capi­tali (ad esempio S.r.l. o S.p.A.) si sce­glie soli­ta­mente una per­sona fisica; non tutti sanno, infatti, che è legit­tima la nomina anche di una per­sona giu­ri­dica quale ammi­ni­stra­tore.

La prassi e la giurisprudenza

Il Tri­bu­nale di Milano, sez. imprese, con la sen­tenza n. 3545 del 27 marzo 2017, si è da tempo posi­ti­va­mente espresso in merito alla pos­si­bi­lità di nomi­nare, come ammi­ni­stra­tore di una società di capi­tali, una per­sona giuridica.

Di recente sul tema è ritor­nato il Tri­bu­nale di Roma, sez. imprese, con la sen­tenza emessa il 01 giugno 2020, n. 4339, che ha con­fer­mato l’ammissibilità del feno­meno dell’amministrazione di società da parte di altre per­sone giuridiche.

Anche la Com­mis­sione di ela­bo­ra­zione dei prin­cipi uni­formi in tema di diritto socie­tario del Con­si­glio Nota­rile di Milano, mas­sima n. 100, ammette la legit­ti­mità della nomina dell’amministratore nella per­sona giuridica.

Dal punto di vista legi­sla­tivo si ricorda che l’art. 47 del Rego­la­mento Comu­ni­tario n. 2157/2001 al comma 1° recita che «lo sta­tuto della Società Europea può pre­ve­dere che una società o altra entità giu­ri­dica sia membro di un organo», salvo se altri­menti disposto dalla legi­sla­zione dello Stato membro della sede sociale della Società Europea appli­ca­bile alle società per azioni.

Rispetto al diritto ita­liano, quindi, si ricorda che con la riforma del diritto socie­tario si è rico­no­sciuta espres­sa­mente la figura della società ammi­ni­stra­tore di altra società in virtù degli arti­coli n. 2361, secondo comma (che dispone per le S.p.A.: «L’assunzione di par­te­ci­pa­zioni in altre imprese com­por­tante una respon­sa­bi­lità illi­mi­tata per le obbli­ga­zioni delle mede­sime deve essere deli­be­rata dall’assemblea»), n. 2542 c.c. e dell’art. 111-duo­de­cies disp. att. c.c. (che pre­vede l’obbligo del bilancio con­so­li­dato «Qua­lora tutti i loro soci illi­mi­ta­ta­mente respon­sa­bili, di cui all’art. 2361, 2° c., siano società per azioni, in acco­man­dita per azioni o società a respon­sa­bi­lità limitata.»).

La giu­ri­spru­denza di merito è inter­ve­nuta, secondo la citata sen­tenza del Tri­bu­nale di Milano n. 3545/2017, spe­ci­fi­cando che: «è pie­na­mente ammis­si­bile la clau­sola sta­tu­taria di una S.r.l. che per­mette ai soci della stessa di nomi­nare una società di capi­tali quale ammi­ni­stra­tore della società stessa».
In tal caso, ovvia­mente, l’amministratore per­sona giu­ri­dica dovrà indi­vi­duare una per­sona fisica di pro­pria fiducia che svolga, mate­rial­mente, i com­piti propri della carica assunta.

Inoltre, secondo la citata sen­tenza: «in caso di com­pi­mento di atti di ammi­ni­stra­zione pre­giu­di­zie­voli per la società ammi­ni­strata da una per­sona giu­ri­dica, dei rela­tivi danni rispon­dono in solido la per­sona giu­ri­dica ammi­ni­stra­trice e anche la per­sona fisica da questa inca­ri­cata del com­pi­mento degli atti di gestione della S.r.l. amministrata».

Tale solu­zione giu­ri­spru­den­ziale è con­fer­mata anche dall’art. 5 del D.Lgs. 240/1991 (in attua­zione del Rego­la­mento 1985/2187/CEE in materia di Gruppo Europeo di inte­resse eco­no­mico) secondo cui la per­sona giu­ri­dica ammi­ni­stra­trice eser­cita le rela­tive fun­zioni attra­verso un rap­pre­sen­tante da essa desi­gnato la cui nomina deve essere pub­bli­ciz­zata insieme a quella del legale rap­pre­sen­tante il quale «assume gli stessi obblighi e le stesse respon­sa­bi­lità civili e penali pre­visti a carico degli ammi­ni­stra­tori per­sone fisiche, ferma restando la respon­sa­bi­lità soli­dale della per­sona giu­ri­dica amministratore».

Dal canto suo il Tri­bu­nale di Roma, con la sen­tenza n. 4339/2020 ha riba­dito che ogni ammi­ni­stra­tore per­sona giu­ri­dica deve desi­gnare, per l’esercizio della fun­zione di ammi­ni­stra­tore, un rap­pre­sen­tante per­sona fisica appar­te­nente alla pro­pria orga­niz­za­zione.

Le for­ma­lità pub­bli­ci­tarie rela­tive alla nomina dell’amministratore saranno perciò ese­guite nei con­fronti sia dell’amministratore per­sona giu­ri­dica che della per­sona fisica da essa designata.

Secondo i giu­dici romani, la desi­gna­zione del rap­pre­sen­tante per­sona fisica da parte della per­sona giu­ri­dica ammi­ni­stra­tore, costi­tuisce un atto gestorio di quest’ultima, che si affianca, com­ple­tan­dola, alla nomina dell’amministratore per­sona giu­ri­dica da parte della società ammi­ni­strata. Però non neces­sa­ria­mente il rap­pre­sen­tante per­sona fisica deve coin­ci­dere con il rap­pre­sen­tante legale della per­sona giu­ri­dica ammi­ni­stra­tore, e a tal fine si può indi­vi­duare anche una per­sona appar­te­nente all’organizzazione della per­sona giu­ri­dica amministratore.

Infine, la citata sen­tenza, chia­risce che la desi­gna­zione della per­sona fisica, quale atto gestorio della per­sona giu­ri­dica ammi­ni­stra­tore, è in qua­lunque momento modi­fi­ca­bile.

Ciò detto, affinché sia pos­si­bile nomi­nare un ammi­ni­stra­tore per­sona giu­ri­dica anziché per­sona fisica è impor­tante indi­care una clau­sola sta­tu­taria che pre­veda tale pos­si­bi­lità, anche se alcuni auto­re­voli stu­diosi riten­gono che non sia osta­tivo non indi­carlo. Infatti, come dichia­rato da diversi auto­re­voli notai è legit­tima la nomina di un ammi­ni­stra­tore per­sona giu­ri­dica anche in man­canza di una spe­ci­fica dispo­si­zione sta­tu­taria in quanto la legge non pre­clude la sua nomina.

Per le ragioni di cui sopra, le CCIAA pro­ce­dono rego­lar­mente all’iscrizione nel Regi­stro delle Imprese anche in man­canza di sud­detta clau­sola statutaria.

Lo stesso Con­si­glio Nota­rile di Milano, attra­verso la mas­sima n. 100, legit­tima la clau­sola sta­tu­taria di S.p.A. o S.r.l. che pre­veda la pos­si­bi­lità di nomi­nare alla carica di ammi­ni­stra­tore una o più per­sone giu­ri­diche o enti diverse dalle per­sone fisiche.

La Ratio

Essendo tale nomina non sog­getta a vin­coli del codice civile, l’indicazione sta­tu­taria risulta un espli­cito atto di auto­nomia delle parti. Non è, quindi, neces­saria la con­ferma sta­tu­taria per la sua legittimità.

Al con­trario, potremmo argo­men­tare che indi­carlo nello sta­tuto equi­vale a con­si­de­rarla come mera ipotesi.

In conclusione

Il nostro ordi­na­mento giu­ri­dico non pre­clude ad una per­sona giu­ri­dica di essere nomi­nata ammi­ni­stra­tore di un altro ente col­let­tivo; alle volte la pre­vede espres­sa­mente come nell’art. 5 del D.Lgs. 240/1991 che ha rece­pito la disci­plina comu­ni­taria in materia di gruppo europeo di inte­resse eco­no­mico (GEIE) mentre, per le società di per­sone, l’ammissibilità si ricava dal com­bi­nato disposto degli arti­coli n. 2361, comma 2, c.c. e n. 111-duo­de­cies disp. att. c.c. che dispone l’assunzione di par­te­ci­pa­zioni in altre imprese, com­por­tante una respon­sa­bi­lità illi­mi­tata per le obbli­ga­zioni delle mede­sime quando deli­be­rata dall’assemblea; di tali par­te­ci­pa­zioni gli ammi­ni­stra­tori danno spe­ci­fica infor­ma­zione nella nota inte­gra­tiva del bilancio.

Con­di­vidi
Tieniti sempre aggiornato!
Unisciti al nostro Canale Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo sul questo Blog.
Hai bisogno della nostra consulenza?
Ti richiameremo per una prima valutazione gratuita relativa al tuo caso.
Scritto da
Piero Di Bello

Appassionato e dinamico consulente esperto in Protezione e Pianificazione consapevole del Patrimonio delle famiglie e delle imprese, associato della prestigiosa Associazione “Il Trust in Italia”.
Esperto in Fiscalità Internazionale e Strategie d’Impresa, coadiuva continuamente gli imprenditori nel disegnare il proprio business.

Visualizza tutti gli articoli
Scritto da Piero Di Bello

Piero Di Bello

Appassionato e dinamico consulente esperto in Protezione e Pianificazione consapevole del Patrimonio delle famiglie e delle imprese, associato della prestigiosa Associazione “Il Trust in Italia”.
Esperto in Fiscalità Internazionale e Strategie d’Impresa, coadiuva continuamente gli imprenditori nel disegnare il proprio business.