Le forme del Testamento per le proprie Ultime Volontà nel periodo del Coronavirus

Un anziano, un geni­tore, un fra­tello, una per­sona sola, pos­sono aver l’intenzione di espri­mere le pro­prie ultime volontà attra­verso un testa­mento.
A tal pro­po­sito è bene ricor­dare che in Italia non è con­sen­tito il testa­mento “ver­bale”, e per­so­nal­mente nutro dei dubbi anche sulla liceità del video-testa­mento, che sarà pros­si­ma­mente oggetto di appro­fon­di­mento.

Quindi le uniche forme pos­si­bili, in Italia, sono:

  • Testa­mento Olo­grafo
  • Testa­mento Pub­blico
  • Testa­mento Segreto
  • Testa­mento Spe­ciale

Testamento Olografo

Il testa­mento olo­grafo, pre­visto dall’art. 609 del c.c., viene scritto di pugno dal testa­tore, e da que­st’ul­timo datato e sot­to­scritto, uti­liz­zando qual­siasi mezzo: una penna, una matita o per­fino un ges­setto, su ogni tipo­logia di super­ficie.
Il testa­mento olo­grafo non è valido se privo di data oppure è privo della sot­to­scri­zione del testa­tore alla fine del corpo della dispo­si­zione.

Testamento Pubblico

Il testa­mento pub­blico, pre­visto dall’art. 603 del c.c., viene redatto dal notaio per atto pub­blico, sot­to­scritto dal testa­tore, dai due testi­moni e dal notaio, con l’indicazione del luogo, la data del rice­vi­mento e l’ora della sot­to­scri­zione.
Si pre­cisa che il testa­mento pub­blico non è valido se privo di 4 testi­moni in pre­senza di un testa­tore muto, sor­do­muto, sordo, oppure non in grado di leg­gere.

Testamento Segreto

Il testa­mento segreto, pre­visto dall’art. 604 del c.c., redatto dal testa­tore e con­se­gnato in busta chiusa e sigil­lata al notaio che la riceve, in pre­senza di due testi­moni, com­pi­lando la scheda testa­men­taria e rac­co­gliendo la dichia­ra­zione del testa­tore che la busta con­tiene.

Testamento Speciale

Il testa­mento spe­ciale, pre­visto dagli artt. 609−611−216−617 del c.c., pre­vede una dichia­ra­zione resa dal testa­tore davanti ad un pub­blico uffi­ciale e, sol­tanto in casi spe­ciali, redatta dallo stesso pub­blico uffi­ciale, avente una effi­cacia di 3 mesi dal ritorno alla nor­ma­lità.

Si pensi all’at­tuale cala­mità natu­rale di malattia con­ta­giosa da Coro­na­virus: un malato che, tro­van­dosi nel letto di un ospe­dale ancora non intu­bato, decida di lasciare testa­mento delle pro­prie ultime volontà, cosa dovrebbe fare?

Quando un testa­tore non può avva­lersi delle forme ordi­narie, perché si trova in luogo dove domina una malattia repu­tata con­ta­giosa, oppure per causa di pub­blica cala­mità o d’infortunio, il testa­mento è valido se rice­vuto da un notaio, dal giu­dice di pace, dal sin­daco o da un mini­stro di culto, in pre­senza di due testi­moni di età non infe­riore a 16 anni.

Il testa­mento è redatto e sot­to­scritto da chi lo riceve, e altresì sot­to­scritto dai testi­moni. Se il testa­tore oppure i testi­moni non pos­sono sot­to­scri­vere, se ne indica il motivo.

Quindi, nel caso abbiate un parente rico­ve­rato per Coro­na­virus, è bene pre­mu­nirsi al fine di tute­lare l’in­te­grità del patri­monio della fami­glia, pren­dendo imme­dia­ta­mente con­tatto con una delle figure sopra indi­cate affinché possa rac­co­gliere le ultime volontà del pro­prio caro, ma spe­rando ovvia­mente che non vi sia bisogno di met­terle in atto.

Ricordate che questo testamento ha validità 3 mesi.

È impor­tan­tis­simo, inoltre, redarre il testa­mento in modo cor­retto per evi­tare che terzi pos­sano invo­care l’in­va­li­dità delle volontà, per cui si rende oppor­tuna la con­su­lenza di un pro­fes­sio­nista esperto e com­pe­tente in materia.

Con­di­vidi
Tieniti sempre aggiornato!
Unisciti al nostro Canale Telegram per ricevere una notifica ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo sul questo Blog.
Hai bisogno della nostra consulenza?
Ti richiameremo per una prima valutazione gratuita relativa al tuo caso.
Scritto da
Piero Di Bello

Appassionato e dinamico consulente esperto in Protezione e Pianificazione consapevole del Patrimonio delle famiglie e delle imprese, associato della prestigiosa Associazione “Il Trust in Italia”.
Esperto in Fiscalità Internazionale e Strategie d’Impresa, coadiuva continuamente gli imprenditori nel disegnare il proprio business.

Visualizza tutti gli articoli
Scritto da Piero Di Bello

Piero Di Bello

Appassionato e dinamico consulente esperto in Protezione e Pianificazione consapevole del Patrimonio delle famiglie e delle imprese, associato della prestigiosa Associazione “Il Trust in Italia”.
Esperto in Fiscalità Internazionale e Strategie d’Impresa, coadiuva continuamente gli imprenditori nel disegnare il proprio business.